Domenica, 16 Giugno 2024

Le news di Adnkronos

Notizie dal mondo

Cosa insegna la storia del redditometro, il fisco che 'scotta'

Cosa insegna la storia del redditometro, il fisco che 'scotta' © Adnkronos

In passato ci sono stati i tentativi, di diversi colore politico, per migliorare i controlli anti evasione. Oggi è la volta del redditometro, che è stato nuovo per 24 ore e che è stato rapidamente rimesso in un cassetto, in attesa di tempi migliori. La sorte è la stessa, quando sale troppo la pressione ci si ferma e lo schema si ripete. Prima il decreto del Mef, poi la notizia circolata rapidamente e le polemiche che ne sono seguite, alla fine è arrivato un atto di indirizzo del viceministro dell’Economia Maurizio Leo e del direttore del dipartimento Finanze Giovanni Spalletta a rimettere a posto le cose. Le modifiche sono rimandate a uno dei decreti attuativi della delega fiscale. 

Le parole utilizzate appartengono a un linguaggio tecnico che si adegua a un'esigenza fortemente politica, quella di fermare la discussione all'interno della maggioranza a ridosso delle elezioni europee. Viene indicata l'intenzione di "rendere più esplicita la sottointesa volontà di concentrare il ricorso all’applicazione dell’istituto della determinazione sintetica del reddito fondata sul contenuto induttivo di elementi indicativi di capacità contributiva ai casi nei quali il contribuente ometta di dichiarare i propri redditi, a fronte del superamento di soglie di spesa da determinare". Traduzione più comprensibile per tutti: come spiegato dalla premier Giorgia Meloni, si vuole utilizzare lo strumento per stanare gli evasori totali, quel "fenomeno inaccettabile, ad esempio, di chi si finge nullatenente ma gira con il Suv, o va in vacanza con lo yacht, senza però per questo vessare con norme invasive le persone comuni".  

Cosa insegna questa storia, al netto di qualsiasi interpretazione politica di parte? La marcia indietro con l'atto che ferma l'entrata in vigore del nuovo strumento conferma che quando si parla di evasione fiscale la posta in gioco è sempre troppo alta per prendere decisioni che non alimentino una reazione scomposta.  

C'è troppa distanza, quando si parla di controlli fiscali, tra la realtà e la percezione della politica che sfocia inevitabilmente nella propaganda. Il fisco ha tutti gli strumenti per controllare quello che vuole, disponendo di oltre 200 banche dati che possono incrociare informazioni di ogni genere. Ma reintrodurre uno strumento che può dare un contributo all'emersione del nero, e che peraltro per come è costruito tutela senza possibilità di smentita i contribuenti onesti, diventa un ostacolo politicamente insuperabile. La speranza che si possa parlare di contrasto all'evasione fiscale senza per forza accapigliarsi su provvedimenti bandiera resta, a questo punto, legata all'attuazione della delega fiscale. (Di Fabio Insenga)  


Fonte