Giovedì, 23 Maggio 2024

Cultura

Organizzato da La Musidora Cineclub

Concluso "Blu World, un mondo da salvare"

Gli organizzatori Gli organizzatori

Con grande soddisfazione dei partecipanti, si è concluso ieri sera il primo ciclo di proiezioni "Blu World, un mondo da salvare", organizzato da La Musidora Cineclub, un’identità nata dalla sinergia tra le associazioni Plinio, Alda e il collettivo Close Up.
Attraverso una selezione accurata di film, si è avuta l’opportunità di riflettere sul valore fondamentale del nostro pianeta e sull'urgenza di preservarlo. Ogni proiezione ha rappresentato un viaggio coinvolgente e stimolante, arricchendo la conoscenza e sensibilizzando i partecipanti, su una tematica di grande attualità.
Il primo film, incentrato sulla figura di una donna islandese impegnata in una lotta solitaria contro i giganti dell'industria, ha aperto il ciclo con una carica di determinazione e coraggio. La sua battaglia, condotta con arco e frecce e un semplice seghettino, ha rappresentato un simbolo di resistenza contro l'avidità e l'indifferenza verso l'ambiente.
La seconda visione ha trasportato gli spettatori negli Stati Uniti, dove abbiamo assistito a un'inchiesta sconvolgente contro un'azienda dai poteri sconfinati. L'amarezza suscitata da questo film si è intrecciata con una profonda riflessione sull'incalcolabile valore della vita non solo umana, ma di tutti gli esseri viventi, e sulla necessità di tutelarla.
Martedì 7 maggio il ciclo si è concluso nell'affascinante scenario dell'Altopiano boliviano, una terra raramente visitata dal cinema. Attraverso immagini mozzafiato e una narrazione nostalgica, si è  assistito alla difficile convivenza tra uomo e natura, evidenziando le conseguenze devastanti dell'impatto umano sull'ambiente.
Attraverso il linguaggio cinematografico, l'effetto visivo e l'emozione che solo il grande schermo può trasmettere, La Musidora Cineclub ha così invitato il pubblico a riflettere sull'importanza del nostro pianeta e sull'urgenza di agire per preservarlo. Non con inutili proclami, ma con grande empatia umana e un profondo senso di responsabilità per il futuro.
 
Venerdì 10 maggio con il film Holy Spider, si apre il ciclo intitolato "Dalla parte delle donne". Si è pronti ad intraprendere un nuovo viaggio attraverso diverse culture e realtà: si passerà dalle terre iraniane alla Gran Bretagna fino a raggiungere il Caucaso del nord. Alla fine della visione delle tre pellicole di questo nuovo ciclo, sarà organizzato un confronto per condividere le proprie riflessioni, un’occasione per creare un dialogo proficuo e per approfondire la condizione femminile.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nuova bufera in vista nel Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria alla vigila del rinnovo delle cariche. La nube minacciosa ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

La storia del quadro incompiuto e di due straordinari artisti
La Redazione - gio 8 febbraio

Un miracolo che solo il reciproco amore per l’arte e una vecchia amicizia hanno potuto fare. E’ la storia di un dipinto iniziato e non finito da una bravissima artista manduriana, Katja Zaccheo, completato poi da un altro artista ...

Cyberbullismo, l’Einaudi di Manduria si aggiudica il terzo premio del concorso "Sbulliamoci” VIDEO
La Redazione - lun 12 febbraio

Un altro premio per gli studenti dell’IISS “L. Einaudi” di Manduria. Questa volta a salire sul podio dei vincitori sono stati gli studenti dell’Istituto Professionale Agrario, protagonisti ...

Omar Di Monopoli presenta “Sotto il cielo dei Messapi“
La Redazione - mer 14 febbraio

Il Parco Archeologico di Manduria diventa protagonista di rilievo nel romanzo scritto da Omar Di Monopoli.  Si intitola infatti  ‘Sotto il cielo dei Messapi’ ( ed. Manni) il libro dello scrittore di origini ...