Domenica, 16 Giugno 2024

Giudiziaria

Verdetto della Cassazione

“Non ci fu mobbing”, assoluzione definitiva per il sindaco Pecoraro

Gregorio Pecoraro Gregorio Pecoraro

Il sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, è stato definitivamente assolto dall’accusa di mobbing nei confronti di una dipendente dell’Ordine dei commercialisti della provincia di Taranto di cui è stato segretario.

Assolto, con altri componenti del Consiglio dell’Ordine, dalla corte d’appello, è arrivata

l'autorevole decisione della Corte di Cassazione che ha confermare l'assoluzione per tutti gli imputati del procedimento nato dalla denuncia della presunta vittima.

La suprema Corte ha bocciato, dichiarandolo inammissibile, il ricorso inoltrato dalla procura contro l'assoluzione che, in realtà, per sette degli otto imputati era già stata decretata in primo grado e per il solo ex presidente era sopraggiunta in secondo grado.

Diventa così definitiva l'assoluzione decretata per il sindaco Pecoraro (segretario dell'Ordine fino al 17 marzo 2017), per l'ex presidente dell'Ordine, Cosimo Damiano Latorre, per tre tesorieri Riccardo Scialpi (in carica dal gennaio 2013 ad aprile 2014), Maria Rosa Chiechi (da aprile 2015 fino a giugno 2016) e Angela Cafaro (da giugno 2016 a marzo 2017), oltre che per due impiegate e una tirocinante. Per tutti l'ipotesi accusatoria era quella di aver contribuito ad emarginare la dipendente durante le ore di lavoro.

Nella sua ricostruzione, alla base delle contestazioni formulate dalla pm Rosalba Lopalco agli imputati, la donna aveva fatto riferimento a pesanti vessazioni, raccontando di procedimenti disciplinari e di un demansionamento, che le avevano causato una serie di difficoltà al punto da costringerla a rivolgersi ai medici e a restare lontano dal posto di lavoro per ben sei mesi. In giudizio, però, le accuse sono gradualmente franate con le sentenze di assoluzione, confermate definitivamente dalla Cassazione per gli otto imputati che sono stati assistiti dagli avvocati Raffaele Errico, Gaetano Vitale, Paolo Francesco Garzone e Giuseppe Passarelli.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - sab 15 giugno

Ha rischiato grosso un 65enne avetranese colpito alla testa da un petardo dei fuochi d’artificio durante la festa di Sant’Antonio ...

Tutte le news
La Redazione - sab 15 giugno

Dopodomani 17 giugno, il nuovo primario della radiologia dell’ospedale di Manduria, Antonio Modoni, regolare vincitore di concorso, ...

Tutte le news
La Redazione - sab 15 giugno

Mentre i grandi del mondo si riuniscono per il G7 al Borgo Ignazi di Savvelletri, nel brindisino, le first lady ...

Tutte le news
La Redazione - sab 15 giugno

Il comune di Manduria anche quest’anno ha stipulato una convenzione con il Gruppo Volontariato e Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Polizia ...

Tutte le news
La Redazione - ven 14 giugno

Grave incidente stradale sulla Manduria San Pietro in Bevagna intorno alle 23,30 di ieri con tre feriti, tutti manduriani, ...

Pessima, oggi il tar Lecce discute il ricorso del maestro Arnò
La Redazione - mar 9 aprile

È prevista per oggi l’udienza pubblica davanti al Tribunale amministrativo di Lecce per decidere sul ricorso presentato dalla Quiet Please del musicista manduriano Ferdinando Arnò che contesta la sua esclusione dalla gara ...

Delitto del cavalcavia, in aula "la morte in diretta" di Natale Naser Bahtijiari
La Redazione - dom 14 aprile

Nella corte d’assise del Tribunale di Taranto l'altro ieri sono state le urla di dolore e i rantoli di morte le protagoniste della quinta udienza del processo sull’uccisione di Natale Naser Bahtijiari, il ...

Trasferimento illegittimo, infermiera vince in Tibunale
La Redazione - mar 16 aprile

Il Tribunale di Taranto ha accolto il ricorso presentato da un’infermiera manduriana in servizio al distretto sanitario di via per Uggiano che contestava l’illegittimo trasferimento in un ambulatorio dello stesso distretto ma situato ...