Domenica, 14 Aprile 2024

Cronaca

Se ne incarica il comando di polizia locale

Sbancamento sospetto nelle marine di Manduria, aperta l’indagine

Lo sbancamento Lo sbancamento

Dopo la denuncia del nostro giornale che ieri ha pubblicato la segnalazione di un lettore relativa al sospetto spianamento di un’area retrodunale sul litorale manduriano tra San Pietro in Bevagna e Torre Borraco, il comandante della polizia locale, Umberto Manelli, ha disposto dei controlli per verificare il presunto abuso.

Ieri mattina gli agenti della municipale e i militari della capitaneria di porto del distaccamento di Campomarino di Maruggio si sono recati su posto prendendo atto dei lavori di sbancamento abusivo che avrebbero distrutto un canneto ed altre piante della macchia mediterranea sottoposte a tutela ambientale e quindi intoccabili.   

Durante il sopralluogo è stato possibile documentare anche evidenti tracce di pneumatico di un grosso mezzo ancora presenti sulla sabbia. Lo sbancamento ha interessato anche una parte di duna, una delle poche rimaste su quel tratto di costa che con l’abusivismo degli anni Settanta ha modificato radicalmente la linea del litorale.

E’ stato intanto escluso che l’area interessata rientrasse nel demanio marittimo. Per cui la competenza non è della capitaneria che ha lasciato le redini alla polizia locale. Il comandante Manelli ha già interessato gli uffici comunali del settore urbanistica che dovranno individuare la particella di quella porzione di terreno e quindi risalire alla proprietà. A quel punto i proprietari saranno chiamati per rispondere dei reati ambientali individuati. Nel frattempo, per cristallizzare lo stato dei luoghi, gli agenti della municipale hanno realizzato una serie di rilievi, anche fotografici, che faranno parte del fascicolo da inviare alla Procura della Repubblica per l’individuazione dei reati da contestare.     


 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

15 commenti

  • Antonio Carrozzo
    sab 30 marzo 15:58 rispondi a Antonio Carrozzo

    Sono passato apposta per vedere mi congratulo con chi ha fatto questo lavoro perché ha fatto davvero un bel lavoro ora si che si nota la bellezza della spiaggia e del mare quando prima c era solo immondizia e canne.Dovrebbero essere opere comunali queste ma pensano solo al loro orto

    • Gregorio
      dom 31 marzo 12:57 rispondi a Gregorio

      Ti do ragione sull'immondizia ,ma.... non sulle canne ( non fraintendere🤣) la vegetazione naturale NON si tocca.

    • Tonino
      dom 31 marzo 09:37 rispondi a Tonino

      Molti pseudo ambientalisti sono per la conservazione dei luoghi, e dell'immondizia gli importa poco ...dovrebbe essere fatta pulizia anche del muro di recinzione posto sulle dune quello si che è un obbrobrio

  • Walter
    gio 28 marzo 14:43 rispondi a Walter

    Probabilmente qualcuno che affitta case,passaggio x scendere al mare

  • Limone Nero
    gio 28 marzo 13:12 rispondi a Limone Nero

    Signor "nessuno" hai scelto davvero bene il tuo pseudonimo. In effetti dimostri di non essere nessuno. Nessuno sta costruendo dietro le dune. Vi era un immobile fatiscente degli anni sessanta e si sta cercando di restaurarlo. Ciò è un vantaggio per la collettività.Grazie a segnalazione anonime sono intervenuti cinque controlli. Perché non denunzi pure tu. Che squallore

    • Nessuno
      dom 31 marzo 19:31 rispondi a Nessuno

      Io nessuno tu limone nero...non ho detto il rudere fatiscente ma dietro per scendere in spiaggia hanno sbancato e recintato evidentemente lei e un parente parlando così

      • Limone Nero
        mer 3 aprile 10:49 rispondi a Limone Nero

        Signor "nessuno" hai dato prova di ulteriore squallore. Non sono un parente ma un tecnico che ha lavorato sul posto. Tu menti sapendo di mentire. Nessun accesso al mare oltre quello esistente da sempre. Ma perché non denunzi?

  • Gengis can
    mer 27 marzo 21:20 rispondi a Gengis can

    Criscimini li canni...

  • Nessuno
    mer 27 marzo 20:24 rispondi a Nessuno

    Li hanno notato lo sbancamento e difronte alla ferramenta dove stanno costruendo dietro le dune chi e che ha spianato tutto facendo per l'uscita a mare li è intoccabile il proprietario

  • Gregorio
    mer 27 marzo 14:21 rispondi a Gregorio

    Ma..scusatemi, non riesco a capire se lo sbancamento ha interessato anche una parte di duna, una delle poche rimaste su quel tratto di costa , mi chiedo: NON FA PARTE DEL DEMANIO MARITTIMO? Come si calcola l’area del canneto ed altre piante della macchia mediterranea sottoposte a tutela ambientale e quindi intoccabili ? In queste aree si può costruire? Sicuramente NO !! INTANTO hanno sbancato!!!!! Il colpevole è il proprietario ( se non fa parte del demanio) che a sua volta…CADE DALLE NUVOLE ☁️ 🌩🌧🌫⛅️ !!!!

  • Marco
    mer 27 marzo 10:01 rispondi a Marco

    Ma io chiedo: SONO SEMPRE I PRIVATI A SCOPRIRE GLI ABUSI AMBIENTALI ??? 😂🧟‍♂️

    • Angelo
      mer 27 marzo 16:32 rispondi a Angelo

      No sig Marco,sono sempre i privati che non si fanno,,,,,,,,,,,,,,,loro🤣😇

      • Gregorio
        mer 27 marzo 21:19 rispondi a Gregorio

        .. e menomale !! Altrimenti si costruisce sulle PALAFITTE !!!!!!!😳😳

  • Antonio Della Rosa
    mer 27 marzo 09:03 rispondi a Antonio Della Rosa

    Bene le verifiche della Polizia Locale !! Attiguo allo sbancamento c'è però , da anni, un obbrobrio che è il muro di cinta del residence "Il Campo dei Messapi", tante volte segnalato per le sue precarie condizioni. Oltre che un pericolo per i bagnanti è un brutto colpo d'occhio per l'intero litorale data la sua posizione sulle dune. Opera realizzata negli anni felici dell'abusivismo , ma che nussuna amministrazione è riuscita a risanare....sic !!

  • Antonio Della Rosa
    mer 27 marzo 09:01 rispondi a Antonio Della Rosa

    Bene le verifiche della Polizia Locale !! Attiguo allo sbancamento c'è però , da anni, un obbrobrio che è il muro di cinta del residence "Il Campo dei Messapi", tante volte segnalato per le sue precarie condizioni. Oltre che un pericolo per i bagnanti è un brutto colpo d'occhio per l'intero litorale data la sua posizione sulle dune. Opera realizzata negli anni felici dell'abusivismo , ma che nussuna amministrazione è riuscita a risanare....sic !!

Tutte le news
La Redazione - sab 13 aprile

E’ stato di origine dolosa l’incendio che nella notte tra giovedì e venerdì ha quasi distrutto del tutto una villetta per la villeggiatura ...

Tutte le news
La Redazione - sab 13 aprile

E’ già scattato da ieri e durerà sino al 30 ottobre prossimo, il divieto di balneazione nel fiume Chidro e la sua foce e il divieto di ...

Tutte le news
La Redazione - ven 12 aprile

«Non conviene abolire la Doc. » Questo in estrema sintesi il parere del professor Mario Fregoni. Come ...

Tutte le news
La Redazione - ven 12 aprile

Un incendio di cui si ignora l’origine ha distrutto questa notte un’abitazione sulla costa manduriana in località marina di ...

Tutte le news
La Redazione - ven 12 aprile

Sono del compositore manduriano Ferdinando Arnò produzione musicale e licensing del nuovo spot nazionale ...

Pasqua triste a Sava per l’ultimo saluto a Marco
La Redazione - dom 31 marzo

Si terranno oggi a mezzogiorno a Sava i funerali di Marco D’Attis, lo sfortunato giovane savese morto improvvisamente e inspiegabilmente ieri a casa della fidanzata a Maruggio. La camera ardente è stata allestita nell’abitazione dei ...

Lettera di un automobilista multato: "attenti all'imboscata della sosta"
La Redazione - lun 1 aprile

La lettera di un automobilista, fatta arrivare anche ai giornali locali, è stata recapitata via Pec al comando di polizia municipale e al comune di Manduria per segnalare un altro caso di multa per divieto di sosta fatta ...

“Sostanza irritante nell’aria”, allarme rientrato al Giannuzzi
La Redazione - mar 2 aprile

È durato più di un’ora sabato scorso l’allarme nel reparto di nefrologia e dialisi dell’ospedale Marianna Giannuzzi per una temuta presenza nell’aria di sostanze che provocavano brucione agli occhi e ...