Lunedì, 4 Marzo 2024

Cronaca

La prima intervista concessa a “Quarto Grado”

Zio Michele ai microfoni di Mediaset per dire che vuole tornare in cella

Michele Misseri Michele Misseri

Nessuna pausa di riflessione e nemmeno la volontà di evitare il “circo mediatico” che lo attendeva in via Deledda. Michele Misseri non è tornato a casa ieri dopo la scarcerazione avvenuta alle 7 del mattino perchè aveva preso accordi con la redazione della trasmissione “Quarto Grado”, di Mediaset, per una lunga intervista in esclusiva una parte della quale è stata trasmessa ieri nella puntata di “Zona Bianca”, sempre della stessa Mediaset, dedicata al “caso Scazzi”.

Da una località segreta, una villa in campagna, il contadino di Avetrana ha dichiarato di non meritare la libertà appena conquistata e di voler tornare in carcere perchè ad uccidere Sarah, il 26 agosto del 2010, è stato lui e non sua moglie Cosima e la figlia Sabrina “condannate da innocenti”.

La solita versione, insomma, che ripete da 14 anni e che non è stata creduta dalla procura della Repubblica di Taranto e da tre sentenze che condannano in via definitiva all’ergastolo le due donne.

Nell’intervista esclusiva, zio Michele, leggermente ingrassato e in un apparente buono stato fisico, ha raccontato di aver pregato molto nella cappella de penitenziario di Lecce e di aver sognato la nipote Sarah che era un angelo. Nella breve anticipazione trasmessa ieri sera, Misseri ha detto di aver scritto due lettere alla madre di Sarah, Concetta Serrano, senza ricevere risposta. «Se mi avesse risposto - ha detto - le avrei spiegato cosa è veramente accaduto quel giorno”. Addossandosi sempre le colpe di tutto, il 69enne di Avetrana ha infine detto di sentire sensi di colpa anche per tutte le persone coinvolte nell’inchiesta, a partire dal fratello Carmine “che ha fatto il carcere da innocente” e di tutte le persone processate per presunte false dichiarazioni al pm o falsa testimonianza durante il processo. “Per fortuna è intervenuta la prescrizione per loro”, ha detto Misseri ai microfoni di “Quarto Grado”.

Intanto la dirigente del commissariato di polizia di Manduria, Marinella Martina, lo sta cercando perchè deve notificagli “l'avviso orale”. E’ un provvedimento, firmato dal questore di Taranto, Massimo Gambino che invita a mutare condotta rivolta alla persona ex detenuta connotata da un profilo di pericolosità sociale che ha scontato condanne per reati di una certa gravità.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

Tutte le news
La Redazione - oggi, lun 4 marzo

Cooking show, degustazioni gratuite e info point dell’Alberghiero Mediterraneo (scuola pubblica e gratuita), presso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, lun 4 marzo

Ieri a Sava nella partita del campionato di calcio prima categoria  tra la squadra locale e la Virtus Lecce, i ragazzi del ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, lun 4 marzo

Il Centro culturale di formazione continua, “Plinio il Vecchio” di manduria, in concordanza con l’obiettivo ...

Tutte le news
La Redazione - sab 2 marzo

Dopo la "manifestazione d’interesse" vincolante, l’organizzazione della gita scolastica nei due licei manduriani, classico ...

Tutte le news
La Redazione - ven 1 marzo

Un manduriano di 45 anni, M. B. le sue iniziali, che da poco si era trasferito ad Avetrana, è stato arrestato dai carabinieri ...

Morte di un medico in corsia, un caso a Lecce come quello di Manduria
La Redazione - mar 20 febbraio

Francesco Abati, 53 anni, di Lecce, come Giovanni Buccoliero, 61 anni di Sava. Entrambi medici ospedalieri morti in corsia in orario di servizio. Un triste destino accomuna i due professionisti stroncati da un infarto nel posto dove ...

L’incredibile bando per la gestione della Fiera degli animali
La Redazione - gio 22 febbraio

A soli 6 giorni dalla scadenza del bando e a 15 dall’evento, il comune di Manduria, il solito assessorato al Commercio di Isidoro Baldari, ha pubblicato un avviso pubblico per affidare la gestione o organizzazione della “Fera ti ...

Il triste destino di Michela nel giorno del suo compleanno
La Redazione - ven 23 febbraio

Una funesta coincidenza ha voluto che proprio oggi, giorno del suo compleanno, dovesse essere seppellita la giovane Michela Valdes morta dopo un anno e mezzo di agonia a causa di un terribile incidente stradale avvenuto nel 2022 sulla litoranea ...