Giovedì, 23 Maggio 2024

Ambiente

Intervento video dell’ex politico

Depuratore, Curri smonta le promesse di Aqp e Comune

Antonio Curri Antonio Curri

«Per favore, basta promesse ma risposte concrete». Con questo cartello l’ingegnere manduriano Antonio Curri, apre un intervento video, pubblicato sul suo profilo Facebook, in cui fa luce su alcuni punti ancora oscuri del costruendo depuratore consortile di Manduria e Sava. L’analisi dettagliata dell’esperto (oltre a ricoprire importanti cariche politiche a Manduria è stato presidente dell’Ordine provinciale degli ingegneri di Taranto), smentisce quanto dichiarato in un recente dibattito dai funzionari di Acquedotto pugliese invitati dall’amministrazione del sindaco Gregorio Pecoraro, ad intervenire in un convegno organizzato nell’aula consigliare del comune di Manduria.
«Chi trarrà sicuramente vantaggio dall’opera in costruzione in zona Urmo Belsito – afferma Curri – saranno i savesi che hanno la rete fognante ma senza recapito e le zone di Manduria ancora prive di fogna perchè il vecchio depuratore, oltre a non essere a norma, non è in gradi di accogliere ulteriori reflui».
Per quanto riguarda le marine, del tutto sprovviste di rete fognante e in gran parte anche di quella idrica, il servizio è tutt’altro che certo contrariamente a quanto si sforzano di far credere gli attuali amministratori comunali e lo stesso Aqp. «Non si sa ancora l’entità dell’investimento necessario né dove saranno recuperati i fondi», ha fatto sapere Curri facendo i conti in tasca ad Aqp che ha sinora speso o impegnato più di 17 milioni di euro. «Ma solo per i reflui di Manduria e Sava», mentre per l’agglomerato delle marine, fa sapere il tecnico, che comprende una vasta area che va da Torre Colimena sino al territorio comunale manduriano di Monaco-Mirante, non c’è nessuna copertura economica né una previsione dei costi.

L’ex sindaco e assessore, ha inoltre scoperto che nelle planimetrie presentate da Aqp in quella assemblea in municipio, mancava addirittura la zona di Monaco-Mirante. Non solo. Altro punto oscuro che non sarebbe stato preso in considerazione dai tecnici dell’ente idrico e dall’amministrazione comunale, riguarda l’acquisizione delle strade dove allocare le future tubature. Problema questo, sostiene Curri, che Aqp ha scaricato al comune che dovrebbe farsi carico i tutto.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

4 commenti

  • Cricoriu
    sab 11 maggio 09:26 rispondi a Cricoriu

    Come al solito adesso si scoprono tutte le cose "storte"... Sempre colpa di altri. E magari quando c'erano loro faciunu Puru pesciu.

  • Gregorio
    gio 9 maggio 22:08 rispondi a Gregorio

    Il mio motto è: È stata progettata di notte “ . Mi direte : Cosa significa? . E io rispondo: Di notte 💤, perché troppo stanchi e NON lucidi nel fare i progetti, cioè, fatta a caz(bbiipp) ti cani !! ( scusate l’espressione, ma è così !).

  • Pietro
    gio 9 maggio 14:28 rispondi a Pietro

    Caro ingegnere, sono anni che trovi falle in questo sgangherato progetto voluto da Regione e soprattutto Acquedotto Pugliese. Ormai abbiamo capito tutti che ci sono in ballo un sacco di soldi, e sai da dove li recupereranno in futuro? Saremo NOI. L'acquedotto non vede l'ora di addebitare sulle fatture le spese della fognatura e depurazione! E dire che l'altro giorno ho letto che l'ARPA ha certificato che il nostro mare è più che pulito (pur con tutti i pozzi neri che ci sono). Francamente non so che pensare...

  • Antonio Saracino
    gio 9 maggio 08:42 rispondi a Antonio Saracino

    Vorrei ricordare che ad aprile 2017 il depuratore poteva essere costruito in località Serpenti se il gruppo Tutti insieme per Manduria (consiglieri comunali Bentivoglio Dicursi e Girardi) avesse votato a favore. L'ingegnere Curri era il presidente di quel gruppo. Purtroppo è andata diversamente ed ora a piangere sarà Urmo Belsito e tutto il litorale.

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nuova bufera in vista nel Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria alla vigila del rinnovo delle cariche. La nube minacciosa ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

Ampliamento Manduriambiente, la Asl contraria per "rischi sanitari"
La Redazione - mer 6 dicembre 2023

Oltre all’Arpa e al comune di Manduria, anche la Asl di Taranto ha posto dei freni all’ampliamento della discarica Manduriambiente. Nella conferenza dei servizi che si è tenuta ieri per il rilascio del Paur, il Provvedimento ...

Ampliamento della discarica, il nodo da sciogliere sul "nuovo lotto"
La Redazione - gio 7 dicembre 2023

La conferenza di servizio sulla richiesta di ampliamento della discarica di Manduria, fissata per il 21 dicembre, sarà preceduta da una riunione tecnica tra i responsabili del Provvedimento autorizzatorio unico regionale e i ...

ESCLUSIVO: Manduriambiente sull'opposizione all'ampliamento «pretestuosa» e causa «di scarsa competenza»
La Redazione - dom 17 dicembre 2023

«Pretestuose» e causa «di scarsa competenza». Così la società Manduriambiente definisce i motivi di opposizione all’ampliamento della discarica presentate ...